Prosegue l'autoconvocazione ... per dare voce al volontariato

Scritto da Lisa Sampieri.

Questo in sintesi lo slogan che riassume gli orientamenti del Comitato Nazionale del MoVI che si è riunito a Roma sabato e domenica 21-22 gennaio 2017.
I mesi che ci aspettano sono importanti per il Terzo Settore e per il mondo della solidarietà organizzata, con il rinnovo delle cariche sociali del Forum Nazionale del Terzo Settore, della Convol e di CSV-Net e con i lavori del governo per definire ed approvare i decreti attuativi della Legge delega per la riforma della normativa del Terzo Settore.

In questo scenario il MoVI qualche mese fa ha espresso le proprie preoccupazioni per la poca chiarezza del processo in atto e per la debolezza che ha dimostrato il sistema di rappresentanza del volontariato italiano, rilanciando l'idea di una autoconvocazione da ricostruire dal basso (vedi comunicato di settembre 2016).
Il MoVI intende proseguire il suo impegno per difendere i valori che contraddistinguono l'esperienza italiana del volontariato e le sue specificità che rischiano di essere svilite e non riconosciute da una riforma che risponde a logiche e interessi divergenti. Per questo il MoVi proseguirà il suo impegno per rilanciare ogni possibile azione capace di ridare voce al volontariato e per allargare più possibile alle realtà di base,  un dibattito a volte rinchiuso in stanze troppo riservate.

In occasione della riunione del Comitato si è anche svolto l'incontro di avvio del progetto "Strade nuove al Sud" (vedi notizia)

Commenti (0)

500 caratteri rimanenti

Cancel or