Aprire i cantieri delle strade nuove

Aprire i cantieri delle strade nuove

Le cinque strade disegnate insieme richiedono ora un paziente lavoro di costruzione. Non saranno transitabili in poco tempo, soprattutto non saranno transitabili senza un impegno a tracciarne il percorso e costruirne il selciato.

Servono nuovi cantieri diffusi per disegnare insieme e costruire queste strade nuove.

Questi cantieri potranno essere gruppi locali che sorgano in ogni luogo in cui si troveranno volontari, giovani e adulti inquieti che hanno voglia di farsi progettisti e operai di queste strade. Gruppi “Strade nuove per…”, specificati con il nome del luogo in cui sorgeranno.

Gruppi praticati da singole persone, da famiglie, da gruppi informali, da associazioni che vogliano mettersi in gioco senza confusioni ed in piena libertà.

La rete dei gruppi “Strade nuove per…”, con il sostegno del Movimento di Volontariato Italiano, ma in piena autonomia, potrà contribuire a costruire una “infrastruttura immateriale” di una nuova società italiana, capace di coniugare l’impegno per il territorio (il locale) e quello per il cambiamento del mondo (il globale).

In forma agile, movimentista, questa rete potrà raccordarsi attraverso strumenti telematici, occasioni periodiche di incontro, campagne condivise. Potrà darsi momenti di riflessione e formazione comune, con una costante attenzione a sfuggire il rischio dello schiacciamento sui partiti e le tentazioni del potere per se stesso. Ma anche evitando di accontentarsi del solo approfondimento culturale.

Il MoVI, che ha assunto la responsabilità di formulare la proposta ed avviare il cammino, metterà a disposizione la propria esperienza trentennale di collegamento leggero fra gruppi di base e la propria credibilità di soggetto impegnato per il cambiamento sociale, senza cedimenti agli interessi di parte.

Il futuro che ci aspetta, le strade che dovremo costruire e percorrere insieme, chiedono uno spirito di novità e la disponibilità a cambiare se stessi, conservando l’anima ma aprendo le strutture e rimuovendo anche le eventuali incrostazioni rassicuranti...

...questa sfida ci riguarda tutti.

per info e contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.