FotograFARE Gela | Il MoVI e la fotografia sociale

FotograFARE Gela. Primo concorso di fotografia sociale al SUD per rimuovere l´alibi del <<nulla può cambiare>> promosso dal MoVI Gela

  Gela (CL) - Una città in gioco per fotografare il cambiamento. Il primo concorso di fotografia sociale per coinvolgere tutti i cittadini di Gela e non solo in un processo educativo. E' stato presentato oggi durante una conferenza stampa.
<<Dobbiamo con forza uscire da una mentalità tutta meridionale fatta di alibi e disimpegno. Abbiamo il dovere d´impegnarci per migliorare la qualità della vita della città in cui abitiamo - dichiara il presidente del MoVI Gela Enzo Madonia e continua - non ci sono più alibi per nessuno. Il cambiamento inizia da ciascuno. Dal rispetto degli altri, dal senso civico, dalla solidarietà vissuta. Scattare una fotografia al cambiamento significa impegnarsi e ricercare quei piccoli segni di speranza che possono guidare un processo sociale che aiuti a cambiare mentalità>>

A promuovere il concorso di fotografia sociale è il MoVI in rappresentanza della rete di associazioni di volontariato della città di Gela e in partenariato con le associazioniProgetto HNanocicliAuser Provinciale di CaltanissettaCentro di Cultura e Spiritualità Cristiana "S. Zuppardo", il Movimento Italiano Casalinghe, l´Associazione Diabetici "Eschilo". A sostenere l´iniziativa è il CeSVoP con il Patrocinio Gratuito del Comune di Gela. Promuove l´iniziativa la rete di professionisti, architetti, comunicatori, designers dell'ADI Sicilia.  

<<Spesso la fotografia ha avuto un ruolo di denuncia - dichiara il presidente della giuria, il fotografo professionista Roberto Strano. Mi vengono in mente i nomi illustri dei grandi fotografi nostri conterranei come Ferdinando Scianna, Giuseppe Leone, Letizia Battaglia, che con le loro fotografie, hanno saputo raccontare, denunciare, illustrare i nostri luoghi. Oggi chiedo, in modo particolare ai giovani di fotografare la città nel suo splendore, i luoghi in cui giocano, passeggiano, le famiglie, il parroco, gli amigli, gli insegnanti. Chiedo ai cittadini di Gela e non solo di raccontare con semplicità la fertilità culturale di questa città e della sua storia>>

Le associazioni sostengono che la parola cambiamento è tra le più inflazionate quando si parla del disagio sociale, di una città e della sua politica. Ma se non si ha una percezione chiara del territorio, la parola cambiamento può confondere, indurci a credere che nulla può cambiare, che il tempo trascorso a vivere, giorno dopo giorno, non sia degno di attenzione e di cura, di partecipazione e di condivisione, di doveri e di diritti.

Il MoVI Gela  tramite questo concorso vuole provare a rimuovere l´alibi del "nulla cambierà", cercando di promuovere una ricerca dei piccoli o grandi cambiamenti sociali che è possibile fotografare nella città di Gela. Obiettivo del concorso fotografico è valorizzare tutto ciò che nel quotidiano esprime progresso etico o civile, ciò che permette oggi di cogliere mutamenti che disegneranno il futuro. Il contesto sono i cittadini e la Città di Gela con il suo patrimonio artistico, culturale, economico, sociale, ambientale. 

<<La risposta al disgusto di un sistema politico distante e incompetente non può essere il rifiuto, il distacco, lasciando ai "professionisti della politica" ogni spazio d´azione, ma al contrario - continua Enzo Madonia - occorre impegnarsi per restituire al sistema politico alla sue profonde ragioni. Non bastano i valori, gli ideali, i principi; non basta urlare e indignarsi, occorre rendere concreti bisogni e progetti: questo implica la fatica della ricerca, dello studio e l´assunzione di responsabilità>>

Scopo del concorso è realizzare una pubblicazione-catalogo con le foto migliori e una mostra permanente che girerà l´Italia.

La giuria è presieduta dal fotografo professionista Roberto Strano e composta dal presidente dell´ADI Sicilia Enzo Castellana, dalla psicoterapeuta Nuccia Morselli, dal giovane architetto Francesco Trainito, dall´artista e illustratore Fortunato Pepe, dal responsabile comunicazione CeSVoP Nunzio Bruno.

Per inviare le foto c´è tempo fino al 28 febbraio. Non ci sono limiti di età.

I dettagli per partecipare sono sul sito internet  www.volontariatogela.org.

Commenti (0)

500 caratteri rimanenti

Cancel or